sabato 24 maggio 2008

Il matrimonio è una cosa seria? 2 PARTE

Grazie Zoagli e grazie Rajkumari , vi ringrazio per il vostro post sul tema "il matrimonio è una cosa seria?". Ogni commento, anche se critico è sempre ben accetto e vi ringrazio.

Ogni separazione è una ferita aperta, è un raccogliere i pezzi rotti della propria vita e cercare di dargli una sistemata. Sono anche convinto che a volte, dopo aver intrapreso ogni strada, cercato ogni aiuto, la separazione sia l'unica soluzione. Dolorosa ma necessaria.

Vi racconto questa cosa che mi ha sempre molto colpito.
Su un muro della stazione di Novara fino a qualche tempo fa c'era questa scritta: "Lucia ti amo" e poi in piccolo, come se fosse stato aggiunto dopo qualche attimo di riflessione, l'autore aveva aggiunto "abbastanza".
Il risultato era piuttosto assurdo: "Lucia ti amo abbastanza"

Non penso che Lucia sia rimasta contenta ma sicuramente l'autore del gesto era sincero: l'uomo, con le sue sole forze può amare fino ad un certo punto, può amare "abbastanza"
Chi di noi può dire ti amo "per sempre"? E' la frase più bella, ma in una logica aridamente razionale è una bugia.
D'altro canto, chi ha messo nel cuore dell'uomo la tensione al "per sempre" se non Dio stesso?

Nel matrimonio gli sposi affidano il loro fragile "abbastanza" a Dio affinchè lo custodisca, ma tanti rinunciano quasi subito all'aiuto di Dio e si sposano come se Dio non esistesse o li riguardasse solo per quel singolo giorno.
Un matrimonio senza Dio è per sua natura destinato a crollare.

A presto

4 commenti:

terry ha detto...

Un matrimonio senza Dio è destinato a crollare.....ok ci stà perchè il nostro Dio è un "rompi"appena ci rendiamo conto che esiste vuole che lavoriamo per lui in vari modi per costruire il suo Regno in terra
Ogni volta che si celebra l'eucarestia lui viene apposta per "farsi mangiare"infatti il pane diventa il suo corpo e il vino il suo sangue!
Allora perchè le persone divorziate e risposate non possono mangiarlo?
Non è che tutte le persone si separano e risposano per passare il tempo!
Secondo me questa cosa andrebbe tolta perchè tutti hanno il diritto di ricevere Dio "veramente" o almeno applicata a tutti infatti ho letto un articolo dove si diceva che il papa durante un viaggio negli Stati Uniti aveva dato l'eucarestia anche all'ex sindaco di New York Rudolf Guiliani,ma lui è pluridivorziato e risposato,forse il papa non lo sapeva?Perchè magari lo sapeva solo il giornalista che l'ha scritto e lui non avendo letto l'articolo non ha potuto dire "mi sono sbagliato"

don Nick ha detto...

Il cardinale Edward M. Egan, vescovo dell'arcidiocesi di New York, ha bacchettato l'ex sindaco della città per aver preso la comunione il 19 aprile scorso, durante la messa di papa Benedetto XVI nella Cattedrale di San Patrizio, essendo pluririsposato e soprattutto abortista sostenitore. La Comunione non l'ha presa dal papa ma da un sacerdote a cui sono mancate le palle di mandarlo via.

don Nick ha detto...

sulla prima parte del tuo post rispondo domani - sperando di trovare un minuto.
Ho passato la serata con un gruppo di famiglie che una volta al mese si ritrova per pregare e stare insieme: bhe abbiamo parlato proprio di quello di cui parli anche tu...
Ti racconterò.
Notte

terry ha detto...

grazie nn sapevo di questa cosa dell' arcivescovo aspetto il racconto