martedì 10 giugno 2008

per essere sale e luce del mondo

VANGELO (Mt.5)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa.
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli»


COMMENTO:Gesù ci dice che nel nostro cuore ci sono delle potenzialità immense. Non si fa distinzione di cultura, intelligenza; ogni uomo in quanto uomo può essere sale e luce per gli altri. Tante volte invece viviamo una vita insapore e incolore. Una non-vita fatta di cose inutili e superficiali. Ma se io riconosco che Dio mi ama così come sono, scopro che quello che sono è speciale, non perché particolare, ma perché amato da Dio.Ma se Dio scommette su di me e sulle mie capacità, cosa debbo temere? Nella vita ci può essere un unico rimpianto: quello di non aver vissuto...ma quanto è difficile uscire fuori dal coro.

20 commenti:

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Grazie ma se uscire dal coro vuol dire venire nel suo blog resto nel coro...

Se avesse letto meglio il mio blog avrebbe capito che ho posizioni assolutamente laiche e non cerco blog religiosi.

Se vorra commentare da me on topic ben lieto di ospitarla. il mio blog è sempre aperto a chi commenta civilmente.

Grazie
Daniele Verzetti

don Nick ha detto...

Grazie comunque Daniele,
a volte però bisogna superare i pregiudizi e andare oltre le prime impressioni…

don Nick ha detto...

grazie per il tuo commento sul mio blog, bhe cercherò di passare dalle tue parti. ciao

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Nessun pregiudizio. Non saprei come commentare.

Io ho un modo "mio" di ascoltare la spiritualità. Non sono ateo per definizione, ed ho molto rispetto ed ammirazione per i preti che in prima persona lottano a contatto della realtà quotidiana e come Gesù e San Francesco non badano all'esteriorità ed al potere ma alla vita di tutti ed all'amore che Dio ci ha insegnato a dare a tutti.

Ecco, io non saprei commentare il passo del Vangelo che hai messo, ma sicuramente so cosa cerco in Dio e nelle persone che amo e che incontro nella mia vita.

Nessun pregiudizio, forse la tua frase spot mi ha un po' urtato poichè su un post così particolare dire di uscire dal coro non era una gran trovata lol.
Proviamo a ripartire: se vuoi vieni da me e commenta quello che scrivo, liberamente.

Io passero di qui e provero a fare lo stesso non garantendo di riuscirci.

Ciao
Daniele il Rockpoeta

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Scusa i commenti a singhiozzo, non succederà più ma certi pensieri escono a sprazzi stasera: io non mi reputo un credente, non vado a messa, ma se ateo significa credere che non ci sia nulla oltre a noi, neanche l'anima, allora non sono ateo.

E' difficile spiegarsi credo, ma per quanto possa avvertire un senso di spiritualità dentro di me, questo non arriva ad avere una fede religiosa e sentirla mia.

Inoltre, vedere il "potere" in molte religioni mi disgusta profondamente.

Detto questo, io tratto di temi sociali, sono assolutamente laico per la lacità dello Stato. Non sopporto l'ingerenza Vaticana verso il Governo italiano e detesto l 'ipocrisia cattolica che vedo in molte situazioni.

Tu su questo non sarai d'accordo con me come ovviamente non lo sarai sulle questioni inerenti il diritto di scegliere se divorziare, abortire, morire (leggasi eutanasia) convivere(per tutti, quindi anche i DICO o CUS o come li vorrebbe chiamare)

Su questo potremmo parlare o scrivere fino alla fine dei tempi che non cambierei mai opinione pur rispettando la tua.

Ecco, queste cose le dovevi sapere. Il mio blog è attento al sociale e scrive di tutto quello che mi colpisce e che spesso non viene proprio tanto sbandierato dai media.

Ora, puoi tornare a leggermi, commentarmi o non passare più. Io non cerco consenso a tutti i costi, io scrivo quello che sento e mi confronto con chi mi legge e soprattutto mi commenta.

Ciao
Daniele il Rockpoeta

PS: scusa questa serie di commenti off topic. Erano necessari per chiarirci credo ma d'ora in poi se commenterò sarà solo on topic ossia sul tema che il tuo post tratterà.

Daniele il Rockpoeta

Anonimo ha detto...

Smettiamola con lo spam su altri blog!!! (provengo da: attivissimo.blogspot.com)

Va bene essere fuori da coro, ma rimaniamo civili!

Federica ha detto...

a volte questa cosa delle grandi potenzialità mi fa paura e mi spaventa... sarebbe più facile dire "ok per adesso basta, ho dato il massimo". ma so che non è così, a volte mi sembra di "deluderlo", di non farcela.
A volte però mi ricordo anche che Questo è il Dio Padre che perdona laddove non siamo abbastanza "salati". una cosa che mi ha colpito molto è stata quella che mi ha detto un frate una volta che mi andai a confessare. mi citò un pezzo della Bibbia (mi scuso ma non saprei dire quale) e un personaggio che doveva passare in mezzo a un animale squarciato in due per segnare un'alleanza che sarebbe stata indistruttibile e Dio lo fermò prima. Quel frate mi disse che questo era perchè il Signore tanto pretende o forse è più corretto dire chiede ma allo stesso tempo è lui stesso che se vede che non ce la facciamo fa lui il passo per noi.
Forse l'ho spiegato in modo un po' confusionario (l'ora non mi aiuta!)e me ne scuso...

don Nick ha detto...

Grazie ancora per il tuo intevento.
I temi che metti sul piatto sono parecchi e complessi e quindi dirò qualcosa di molto generico, spero che mi perdonerai.
Io credo che ci debba essere una necessaria divisione tra Chiesa e Stato, ma che ciò non debba essere un bavaglio su ciò che la Chiesa ritiene importante dire (giusto o sbagliato che sia).
Io poi non ritengo che la gente sia così stupida da farsi influenzare da un vescovo, anzi spesso e volentieri vive in modo apposta contrario. Siamo in una democrazia e come è stato per esempio per l'aborto si arriverà ad altre leggi contrarie alla morale cristiana (eutanasia, eugenetica, ecc. ecc.)
Qualora dovesse accadere la Chiesa dirà che non è d'accordo: sperando che sia ancora libera di farlo.

don Nick ha detto...

Per Federica.

Io invece dico proprio il contrario: non dobbiamo essere dei supereroi, ma semplicemente essere genuinamente se stessi. La felicità non è la meta, ma è la strada che si percorre.
Non devi cercare d'essere ciò che non sei e mai sarai. Gesù non dice "dovete essere sale della terra" ma "siete" fin da ora "sale della terra".
Tu sei già, per quello che sei, amata da Dio: occorre che tu lo esprima, ma non nello sforzo dell'atleta che cerca di superare un record, ma nell'abbandonarsi a Dio dicendo Signore sia fatta in me la tua volontà.

markogts ha detto...

Evidentemente in Internet le gerarchie ecclesiastiche non riescono ad imporre il palinsesto, allora bisogna ricorrere allo spam per continuare a propagandare leggende vecchie di 2000 anni e prive di qualsiasi riscontro serio.

Bel modo di far pubblicità al tuo blog ed alla tua religione.

don Nick ha detto...

Caro Markogts, mi spiace per te ma ho poco a che fare con la alta gerarchia ecclesiastica essendo un prete per così dire di fanteria.
Sulle leggende vecchie di 2000 anni ti suggerirei di informarti meglio e soprattutto di verificare le posizioni di Frank R. Zindler, essendo per mestiere un biologo e non un biblista. L'autore non lo conosco direttamente ma le tesi che lui ripropone per smentire la storicità di Gesù ce le fanno studiare in seminario e sono anche un po' datate. Se hai modo di sentirlo suggeriscigli di riprendere le sue tesi.
Per chi volesse appronfondire in maniera per lo meno seria l'argomento suggerisco questo link http://www.orarel.com/cristianesimo/jesus/index.htm .
Mi sembra piuttosto completo e ben fatto.

Sul fare pubblicità o meno al mio blog ti suggerisco una frase del Vangelo "annunciate sui tetti la buona notizia".

markogts ha detto...

Sul fare pubblicità o meno al mio blog ti suggerisco una frase del Vangelo "annunciate sui tetti la buona notizia".

Tipico ragionamento da integralista. Siccome ho la Verità in tasca, e la Verità mi dice che devo convincere gli altri, qualsiasi mezzo è lecito. Lo sai dove porta questo modo di ragionare, vero?

L'idea che a 5 miliardi e passa di persone nel mondo della "buona notizia" possa non fregare una cippa non ti sfiora nemmeno, vero?

Hai voglia di credere? Bene, fallo, ma non rompere agli altri nei loro blog, (e nelle loro case, nelle loro televisioni, spazi pubblici, giornali, scuole, ospedali ecc.)

don Nick ha detto...

Magari fossi un integralista del vangelo, significherebbe per me assomigliare a Gesù e sarebbe veramente qualcosa di bello.

Chi crede di avere la verità in tasca è un bugiardo.
Nessuno la possiede o può possederla: la verità per un cristiano è una persona, Gesù Cristo e in quanto Dio è accessibile a tutti ma non appartiene a nessuno e per tua informazione non appartiene neppure alla Chiesa che è sua serva indegna.

A me che la gente creda o non creda non cambia la vita, ma sento che se qualcuno o qualcosa mi rende felice sia mio dovere dirlo a chi incontro sulla mia strada. Se poi questa persona mi volta le spalle e effettivamente mi dovessi trovare un giorno solo con il mio Dio, non avrei nulla da temere o da rimpiangere: ci sono cose peggiori nella vita, non credi?

Marcoz ha detto...

"Hai voglia di credere? Bene, fallo, ma non rompere agli altri nei loro blog"

Occhèi, Markogts, un po' di netiquette non guasterebbe…
Ma è meglio un commento spammatorio che colui che ti suona al citofono alle 8,00 della domenica mattina (magari mentre stai intrattenendo un certo discorso con tua moglie) per parlarti di Cristo.
(eppoi uno non dovrebbe bestemmiare)

Saluti

Anonimo ha detto...

Ho scoperto il tuo blog da un commento lasciato sul muro di Federico Moccia.. ho messo queste pagine tra i preferiti e ogni giorno passo a leggere un pezzo del Vangelo.. lo faccio in silenzio.. e penso sia stata una bellissima idea.. Greta

don Nick ha detto...

Grazie Greta mi fa piacere se passi da queste parti e soprattutto se hai voglia di condividere quello che il brano di Vangelo ti suggerisce.

Frankie ha detto...

Don nick, il fatto che Dio ci ama per quello che siamo dovrebbe riempirmi di gioia, e invece a me ciò non sortisce effetto. Se amassi me stesso, anzi, se odiassi meno me stesso, sarebbe già una gran consolazione

don Nick ha detto...

Mi colpisce molto quello che scrivi, Frankie, e ti ringrazio per il tuo post. Intuisco soltanto che dietro le tue parole ci sia una storia complessa.

Personalmente ho sempre avuto una certa qual allergia a chi mi dice: "sento l'amore di Dio battere nel mio cuore".
Mi è sempre sembrata una cosa da baci perugina...troppo dolce per essere vera.
Occorre non confondere la fede con il sentimentalismo, tipico di un certo devozionalismo superstizioso e a volte ipocrita.
Io so che Dio mi ama, ma non perchè mi batte forte il cuore quando penso a Lui. Io sono certo del suo amore perchè se a mia volta amo e seguo come posso l'esempio di Gesù sono felice e giunto a sera mi sento sereno.

Non penso di aver risposto al tuo post, ma mi hai dato l'occasione per questa breve riflessione. Notte

Frankie ha detto...

"Io sono certo del suo amore perchè se a mia volta amo e seguo come posso l'esempio di Gesù sono felice e giunto a sera mi sento sereno".

Hai colto nel segno don Nick!
E' questo che manca da tempo, proprio questo... Vorrei dirti tante altre cose; se posti una tua mail, mi piacerebbe scriverti.

don Nick ha detto...

per frankie nicoladon@gmail.com