lunedì 28 luglio 2008

inconsapevoli perle preziose

VANGELO DI DOMENICA 27

Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, e vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.

COMMENTO:
innanzi tutto il regno dei cieli non è il paradiso, o meglio, non è solo il paradiso.
Lo stesso Gesù invitandoci a riflettere su cosa sia il regno dei cieli, non ci invita a guardare in alto, tra le nuvole ma in basso: un tesoro nascosto nella terra.
Un tesoro che va ricercato con fatica e per il quale occorre mettersi in gioco totalmente.

La seconda breve parabola sembrerebbe molto simile alla prima, quasi una fotocopia: ma non è così.
Se nella prima il regno è simile ad un campo, nella seconda il paragone non è sulla perla preziosa ma sul mercante. Nella seconda il regno dei cieli è simile a questo fantomatico mercante.
Detto in soldoni: ciò che prima era cercato diventa poi il cercatore, ciò che prima era il tesoro, ora diventa il mercante in cerca di perle preziose.
Dobbiamo fin da subito essere chiari, il regno dei cieli non è nè un cosa nè un luogo ma è prima di tutto una persona: Gesù Cristo.

E' lui il mercante che cerca noi, inconsapevoli perle preziose e allo stesso tempo siamo noi avventurieri alla ricerca di un grande tesoro nel campo della vita.

Nessun commento: