venerdì 5 settembre 2008

Gesù nella vita quotidiana

Quando Gesù ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e calate le reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti».

COMMENTO:
Gesù dopo aver predicato vuole immergersi profondamente nella vita delle persone, vuole condividere con loro il lavoro, si mette in ascolto di quel gruppo di pescatori diventando lui stesso pescatore con loro. Gesù era un falegname di mestiere ma il suo desiderio di essere vicino a ciascuno lo metto su ogni sentiero.
Avere Lui fedele compagno del nostro lavoro significa dare senso nuovo alla propria giornata e alla propria vita. Cosa significa che Gesù è mio compagno di viaggio a lavoro, in famiglia, nelle serate con gli amici?
Le cose di tutti i giorni, come per Simone era il pescare, se fatte avendo nella nostra barca Gesù cambiano, bisogna provarci senza timore.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Don, a volte penso di non farcela. A volte penso che la vita mi imponga delle prove, camminando con la mano in quella di Dio..
Lo so che da sola non sono in grado di superarle.. Ma perché c'è sempre qualcosa che non va? Il dolore fa parte dell'esistenza di ognuno.. ma io mi vedo sempre più fragile.. Dio ci ha creato e ci ama. La vita è un dono e non dobbiamo buttarla. Dobbiamo crederci. Si cade e ci si rialza. Questo vuol dire essere forti.
Forti non vuol dire uscire tutte le sere e fare le gare in motorino.
Forti non vuol dire andare in discoteca. In discoteca io non ci vado perché non esiste che i miei genitori debbano stare svegli o venirmi a prendere alle tre quando alle sei devono alzarsi. A volte scoppio a piangere per niente,
all'improvviso, mentre guardo il cielo o sono davanti al pc.. I pensieri che sbattono e risbattono dentro me e non mi danno tregua. Vorrei solo un pò di tranquillità, non pretendo perché non è mio dovere.. Quando sembra che tutto vada bene, dietro l'angolo si nasconde sempre qualcosa.. Una diciassettenne strana, Greta

don Nicola ha detto...

Ehi Greta, buttare fuori quello che ci passa dentro ci fa sempre un gran bene: un dono sia per chi si sfoga sia per chi ascolta e di questo ti voglio ringraziare.
Anche a me capita che le cose non vadano ed è per me di grande aiuto l'andare a trovare qualche amico prete con cui confrontarmi e sfogarmi..prova a cercarlo, portare i pesi da soli è sempre fatico, ma se noi li dividiamo con qualcuno si cammina meglio.