venerdì 31 ottobre 2008

Ama e fa ciò che vuoi

VANGELO

Lc 14, 1-6
Dal Vangelo secondo Luca

‡ Un sabato Gesù era entrato in casa di uno dei capi dei farisei per pranzare e la gente stava ad osservarlo. Davanti a lui stava un idropico.
Rivolgendosi ai dottori della legge e ai farisei, Gesù disse: «E' lecito o no curare di sabato?». Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò.
Poi disse: «Chi di voi, se un asino o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà subito fuori in giorno di sabato?». E non potevano rispondere nulla a queste parole.

COMMENTO:
Sant'Agostino diceva "ama e fa ciò che vuoi". lo disse ben sapendo che l'amore, quello di Dio non quello rattrappito e appiccicoso del mondo moderno, ci è maestro e guida.
Chi ama il prossimo, non ha bisogno di una legge che gli dica cosa deve fare. Chi ama riconosce il proprio amore insufficente e richiede il perdono di Dio, si affida alla volontà del Padre e con viva speranza capisce che l'amore ha bisogno di perdono per crescere.
L'amore vissuto sull'esempio di Gesù si purifica e diventa povero, casto e obbediente. Se non avviene così allora rischiamo di perdere la bussola e mettiamo noi al posto di Dio.
Ci chiede di andare al cuore di ciò che è giusto e sbagliato mettendo al centro la persona, con i suoi limiti e le sue capacità.

2 commenti:

don Nicola ha detto...

http://oknotizie.alice.it/info/48c0189133191f27/quando_dio_ci_dice_ama_e_fa_cio_che_vuoi._ma_cosa_vuol_dire_amare_secondo_dio_.html

Daniele Angius ha detto...

Sant'Agostino diceva anche: la misura dell'amore è amare senza misura. Grazie per queste riflessioni.
Daniele