lunedì 23 febbraio 2009

Senza amore la fede è un guscio vuoto

Dal Vangelo di Marco

Gesù interrogò il padre: "Da quanto tempo gli accade questo?". Ed egli rispose: "Dall'infanzia; anzi, spesso lo ha buttato persino nel fuoco e nell'acqua per ucciderlo. Ma se tu puoi qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci". Gesù gli disse: "Se tu puoi! Tutto è possibile per chi crede". Il padre del fanciullo rispose ad alta voce: "Credo, aiutami nella mia incredulità".

COMMENTO: Un figlio indemoniato è accudito da un padre che cerca in tutti i modi di guarirlo, i discepoli non sono stati in grado: interviene Gesù che intesse un fantastico dialogo con il padre.
le parole del padre del fanciullo sono forse anche le nostre. Come possiamo essere sicuri della nostra fede, anche qualora venisse messa alla prova dalla sofferenza? 

Quest'uomo viene aiutato da Gesù a scoprire che la radice più profonda e più vera della fede, sta nell'amore: nell'amore che questo padre ha per suo figlio. E' da questo vincolo che scaturisce il miracolo operato poi da Gesù. 
Il padre, debole nella fede, ha però un amore che lo rende forte, infatti così termina il racconto:

Entrò poi in una casa e i discepoli gli chiesero in privato: "Perché noi non abbiamo potuto scacciarlo?". Ed egli disse loro: "Questa specie di demòni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera".

E' stata proprio la preghiera del padre che ha generato la fede e così il miracolo: senza amore la fede è un guscio vuoto.

4 commenti:

Vincenzo ha detto...

Gesù è l'Onnipotente, ed ogni cosa deve obbedire alla sua parola. Noi
uomini siamo tutti dei grandi peccatori, ed abbiamo bisogno come i discepoli di Gesù del suo intervento in nostro favore.

don Nicola ha detto...

nessuno è grande, tanto meno nel peccato: si nasconde una falsa umiltà, quando si dice o si pensa "sono un grande peccato".

Anonimo ha detto...

Don riesci a ridarmi il tuo indirizzo mail che vorrei scriverti ma non lo trovo più? Grazie, Greta

don Nicola ha detto...

nicoladon@gmail.com