giovedì 17 settembre 2009

un amore senza compromessi

Vangelo
Lc 7, 36-50

Dal vangelo secondo Luca.
In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui e cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato. A quella vista il fariseo che l'aveva invitato pensò tra sé. "Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna è colei che lo tocca: è una peccatrice". Gesù allora gli disse: "Simone, ho una cosa da dirti". Ed egli: "Maestro, di' pure". "Un creditore aveva due debitori: l'uno gli doveva cinquecento denari, l'altro cinquanta. Non avendo essi da restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi dunque di loro lo amerà di più?". Simone rispose: "Suppongo quello a cui ha condonato di più". Gli disse Gesù: "Hai giudicato bene". E volgendosi verso la donna, disse a Simone: "Vedi questa donna? Sono entrato nella tua casa e tu non m'hai dato l'acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio, lei invece da quando sono entrato non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non mi hai cosparso il capo di olio profumato, ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. Per questo ti dico: le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco". Poi disse a lei: "Ti sono perdonati i tuoi peccati". Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: "Chi è quest'uomo che perdona anche i peccati?". Ma egli disse alla donna: "La tua fede ti ha salvata; va' in pace!".


COMMENTO: è questa a mio parere una delle pagine di vangelo più belle. In questo racconto emerge tutta l'umanità di Gesù, la sua attenzione ai poveri. Diventa quasi palpabile la sua profonda sensibilità che lo spinge a capire subito quello che questa donna stava vivendo.

Dall'altra parte appare l'ottusa razionalità di Simone il fariseo che, pur avendo in casa il dono dei doni, non se ne rendo conto.

Mi stupiscono gli sguardi, le parole così ben calibrate: appare tutto perfetto. La donna, pur trovandosi in una situazione di disagio che crea imbarazzo, non sembra essere turbata da tutto questo. L'amore che lei nutre per Gesù è talmente grande da essere superiore ai peccati commessi. Una bestemmia per le orecchie del fariseo che al contrario vede la vita come una strada piena di trabocchetti e minacce. Ben lontani da una logica di peccato uguale punizione, Gesù offre alla donna una strada nuova: gli offre il cammino della Fede che salva. La redenzione che è garantita non dallo sforzo di chi non compie il male, ma dal bene che rivela il suo unico volto: quello dell'amore incondizionato.

Nessun commento: