venerdì 23 settembre 2011

Chi è Gesù?

Dal Vangelo secondo Luca (9,18-22)

Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto». 
Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».
Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».


COMMENTO: torna più volte nei vangeli il riferimento al "segreto messianico" cioè alla tendenza di Gesù a mantenere segreta la sua missione e la sua identità prima che fosse giunto il tempo opportuno.
Gesù non vuole essere travisato, vuole che sia solo la croce a parlare, mostrando che il Cristo ha come unica missione quella di donare, con la propria morte, la vita a tutti.
In molti hanno risposto alla domanda "chi dice la gente che io sia" ma non sempre si è incontrato chi lo volesse conoscere con cuore sincero e nella sua interezza. Spesso si cerca in Gesù una personale giustificazione al proprio pensiero, trasformando Gesù soltanto in un maestro, un semplice profeta (come avviene nell'Islam), oppure un idealista finito male.
Davanti alla personalità ricca di Gesù si preferisce, per convenienza o cattiva volontà, prendere solo una parte dimenticando tutto il resto.
Davanti alla tentazione di sezionare i vangeli, scegliendo di volta in volta ciò che mi conviene, siamo invitati ad accogliere Cristo nella sua interezza.

il chiedersi "chi è Gesù per me?" penso sia una cattiva domanda, perché se da una parte ci aiuta a personalizzare l'incontro con lui, dall'altra incontriamo il rischio di soggettivarlo alla nostra personale opinione con il rischio di inventarci un Gesù tutto nostro a nostro utilizzo e consumo che, chissà come mai, la pensa esattamente come noi.

Siamo noi che dobbiamo aderire a Cristo e non il contrario.

"Chi è veramente Gesù?" tale domanda può farci cadere nella tentazione di cercare un Gesù nascosto, diverso ma se Gesù, che desidera essere conosciuto, non può averci tratto in inganno e tanto meno nascondersi: Gesù è esattamente chi incontriamo nelle sacre scritture.

Nessun commento: