lunedì 12 settembre 2011

l'esempio di chi è lontano dalla Chiesa

Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di’ una parola e il mio servo sarà guarito.


COMMENTO: il comportamento di quest'uomo incontra l'ammirazione di Gesù che dice "mai ho trovato una fede così grande in Israele".
La fede e l'esempio di questo centurione, quindi un pagano, ci deve far riflettere sul l'esempio che i così detti lontani ci possono offrire.


Un esempio che chi si sente in modo un po' arrogante dentro la chiesa fa fatica ad intuire. Troppo intenti a giudicare chi c'è e chi non dovrebbe esserci, a fare una distinzione tra chi è degno e chi no, rischiamo di perdere di vista che lo Spirito Santo soffia come e dove vuole.
Tale intuizione non deve d'altro canto farci perdere di vista l'unicità della Chiesa che è e rimane "corpo mistico di Cristo" ma aiutarci a guardare alla diversità e alla ricchezza che soggiace ad ogni differenza.


Essere una comunità aperta è fatica quotidiana di chi sa di mettersi in discussione, di chi non può mettersi a distinguere il mondo in buoni e cattivi ma si mette a disposizione a dialogare con tutti, soprattutto con chi si sente lontano ma forse così lontano non è.

1 commento:

Anonimo ha detto...

grazie don complimenti per quello che scrivi