martedì 11 ottobre 2011

L'Amore che rendo tutto puro

Dal Vangelo secondo Luca (11,37-41)

In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. 
Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».


COMMENTO: la carità diventa non solo un atto esteriore ma si rifletto anche nella nostra interiorità. L'elemosina diventa un atto sacro e sacramentale con il quale noi attingiamo alla stessa sorgente di Dio che è amore.
L'amore è come un fuoco e purifica una moltitudine di peccati. La stessa confessione diventa espressione dell'amore di Dio che guarisce ma la stessa carità che esercitiamo nei confronti del nostro fratello ha la medesima sorgente.

Nessun commento: